Categoria Archivi: Bakecaincontrii it

Bordelli svizzera dove andare reggioemilia trasgressiva

tuttofare Nicola, amico, gestore occasionale, custode di notte e problem-solver. Alla fine arriva il momento della sua personale testa di serie, l'unica sudamericana del locale, una ragazza che Nicola è andato a recuperare per noi dal basso come un collezionista di francobolli orgoglioso di mostrare il suo pezzo unico: Emily, dominicana naturalizzata italiana, bellissima. Paola è rumena, ha lavorato anche in Spagna ma da due anni vive in Svizzera. In Svizzera si tratta di un lavoro come un altro, basta denunciare lattività, sottoporsi ai controlli e naturalmente pagare le tasse. Gli chiediamo se giri droganella nostra ingenua visione è quasi scontato, come è altrettanto scontato che lui lo neghi. Dopo tre anni ci siamo rincontrati, e quella volta ne è uscito soddisfatto e mi ha fatto i complimenti. Stessa cosa con Nicola, inizia il turno, è ora di lavorare per davvero, primo impegno una pandemia di congiuntivite, "si ammala una si ammalano tutte." Grazie, Nicola. Sappiamo tutti come funziona la prostituzione in Italia: strada, macchina, ragazze con o senza pene e magnaccia più o meno incazzosi che fanno del mestiere una cosa illegalevendersi non costituisce reato, ma lo è lo sfruttamento o favoreggiamento o induzione al farlo.

Bordelli svizzera dove andare reggioemilia trasgressiva - Chiasso, luci rosse

Allinterno della struttura ci saranno quattordici stanze con doccia e ogni confort, una SPA, unarea ristoro dove si potrà pranzare e cenare mentre unintero piano sarà dedicato al soggiorno e alla residenza delle operatrici. Tempo un minuto ci raggiunge Rossana, 31 anni, rumena numero tre. Poiché è impossibile sapere quando qualcuno batte di sua spontanea volontà o costretto, la scappatoia per l'italiano che non vuole storie è dietro l'angolo, è di colore verde e ci producono il formaggio. Ma quanti soldi fanno? Per lui sono la normalità, come è la normalità avere a che fare con ragazze in perizoma tanto dopo un po' non ti tira più imbuti anali voleva scoprire quanta acqua potesse contenere e giocatori del Milan, quando. Forse, ingenuamente, ci immaginavamo di entrare in un posto dove le ragazzeche da legittimo contratto fanno le prostitutenon dovessero per forza essere così evidentemente delle prostitute, ma più donne e meno puttane. All'inizio è stato difficile, "ho pianto, non mi piaceva, mi sentivo sporca, poi mi sono fatta coraggio." Mentre siamo lì squilla il telefono, lei risponde, è un cliente, quindi ci ringrazia, noi la ringraziamo e in un surreale contesto di cordialità a corte ci salutiamo. "Non lo so, prendiamo l'affitto della stanza e basta, le percentuali non ci interessano.

Bordelli svizzera dove andare reggioemilia trasgressiva - Gita al bordello

Ora che sappiamo come funziona, le chiediamo di parlare con le ragazze e lei ci conduce nel privé, dove facciamo anche noi la nostra scelta. Sofia parla sette lingue e ci racconta che prima di imparare il mestiere si è laureata in economia e ha fatto la cameriera, poi ha capito che servire ai tavoli non faceva per lei. Del suo lavoro non si lamenta, perché il lavoro è lavoro e "lo faccio per soldi." Nella sua stanza molto rosa, molto ikea e molto profumata, Paola fa di tutto, "tutto tutto piscia sulla gente, lecca piedi, sodomizza maschi e indossa costumi, anche da cane. Le piacerebbe avere un bimbo, e aprire una "peluquería ma in Romania, a casa. A Nicola, che non pecca certo di umiltà, piace raccontare aneddoti coloriti che, se non fossimo in un bordello nella periferia industriale di Lugano, ci verrebbe da chiamare pacchiani o volgari. D'altra parte, siamo in Svizzera. Per descriverla basta Nicola, "io la chiamo bionda perché è una nera con i lineamenti molto fini." Ve lo diciamo così perché come tutte le cose belle, e promiscue, non vuole farsi fotografare. Tuttavia le autorità hanno recentemente dato un giro di vite, e durante gli ultimi mesi sono state espulse moltissime delle ragazze sudamericane, e in generale le extracomunitarie, che facevano la fortuna dei locali. Adesso che il business è legale (almeno per la canapa light) anche in Italia in Svizzera hanno deciso di andare oltre, anzi di puntare ad un grande classico che da queste parti non è mai passato di moda:. C'erano tante brasiliane e con loro ci si divertiva di più. Facciamo dietro front e escort portogruaro ebakeca pordenone saliamo con lei al secondo piano. La Svizzera, assieme a Olanda, Germania e pochi altri, è uno dei Paesi europei in cui la prostituzione è legale: dalle città ai villaggi dimenticati, la patria dei banchieri offre tutto ciò che il maschio medio può desiderare. Mi sembrava immenso, grandissimo. Oggi gli italiani che varcano il confine sono a caccia di trasgressione e a Chiasso sanno come soddisfare i loro desideri. Oggi non è più così, e all'Oceano, come al Corona e tutti gli altri bordelli, restano solo mucchi di rumene. Il lavoro lo assorbe al 200 percento, "ricevo 30-40 telefonate al giorno, sono il commercialista, lo psicologo, il parroco e il tecnico, traduco anche dal rumeno, e io il rumeno non.". Fino all'anno scorso il Governo chiudeva un occhio, e nei verdi confini entravano un po' tutte, sudamericane, esteuropeee e quant'altro. Ovunque ci sono security e telecamere, tutto pagato e pulito a partire da 80 euro lenzuola incluse, sborsano le ragazze rifacendosi sulle parcelleovviamente, in qualche modo il cliente paga tutto. Di nuovo nel privé incontriamo Sofia, 26 anni, rumena numero due. Prendono dai 100 ai 150 euro alcune anche 200. Dietro al bancone ci sono schermi, telefoni e tastiere, e poi c'è Diandra, 19 anni, mamma di una bambina di tre, nipote di Ulisse, responsabile delle camere in orario di asilo, e per noi portavoce di famiglia, perché Ulisse. E invece no, in Svizzera si va a puttane esattamente come ci si va in Italia, cioè con lo stesso senso di fare qualcosa di losco che la società condanna da noi come nel resto del mondo. Alle otto prendiamo la via del ritorno, e chiacchierando in macchina ci rendiamo conto che dell'Oceano e delle sue ragazze non ce ne fotte un cazzo non riusciamo ad avere la visione che pensavamo si confacesse al nostro libertinismo. A Chiasso ne hanno appena autorizzato uno di lusso a due passi dal confine, proprio dietro la dogana commerciale, sorgerà al posto di un edificio che fino a un paio di anni fa ospitava la sede di un centro che praticava leutanasia. Per prostituirsi professionalmente in Svizzera c'è un albo a cui per legge potrebbero registrarsi solo le ragazze comunitarie, come in Italia ci si iscrive per guardare nella bocca della gente o aprire i testamenti. In tutto se ne stimano in attività 320, molte di loro esercitano in bordelli, le altre negli appartamenti. Però dobbiamo ammettere che ci aspettavamo che un lavoro regolamentato, a parole e a fatti non diverso da qualsiasi altro impiego, avesse perlomeno un'aura di naturalezza. Non saranno solo i clienti italiani a fare la fila, secondo lultimo rapporto della polizia cantonale tre prostitute su dieci che esercitano in Canton Ticino sono connazionali. Luci blu, clienti, musica, divieto di foto ma fidatevi, è come vi immaginate un bordello, un formicaio di plateau trasparenti e lycra. Che poi è un bordello, è ovvio che si vada dal cliente, ma per la legge in un bar l'adescamento non si può fare, e allora siamo diventati un club, dove l'adescamento è concesso.". Altri resoconti di viaggio: Ascesa e declino di Beppu, la città termale più promiscua del Giappone.

    Fler artiklar

0 Commento su "Bordelli svizzera dove andare reggioemilia trasgressiva"

Commento

Indirizzo e-mail non è pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *